Dancing With Maria di Ivan Gergolet

con Maria Fux, Martina Serban, Maria José Vexenat, Marcos Ruiz, Macarena Battista

VENERDI 27 FEBBRAIO ORE 16.00
SABATO 28 FEBBRAIO ORE 17.00 - 18.30
DOMENICA 1 MARZO ORE 11.00 - 17.30 - 21.30
LUNEDI 2 MARZO ORE 22.15
MARTEDI 3 MARZO ORE 19.30
MERCOLEDI 4 MARZO ORE 22.15

Nell'autunno del 1942 una giovane ballerina vide una foglia staccarsi da un albero e muoversi al vento. Questo fatto, a prima vista senza importanza, fu l'inizio di un percorso umano e artistico straordinario, che portò quella fanciulla a esibirsi in tutto il mondo e diventare una delle maestre di danza più amate e conosciute. Oggi la 93enne argentina Maria Fux insegna ai suoi allievi ciò che la foglia d'autunno le disse molti anni fa, quando si staccò dall'albero e volteggiò libera nell'aria. Fu il vento a farla danzare, non la musica. Maria imparò che non è la melodia a farci muovere, ma sono i nostri ritmi interni, come il battito del cuore e la respirazione. Ciò significa che tutti possono danzarli.

L'Orologio Di Monaco di Mauro Caputo

con Giorgio Pressburger

SABATO 28 FEBBRAIO ORE 20.00 - 21.30
DOMENICA 1 MARZO ORE 16.00 - 19.00 - 20.15
LUNEDI 2 MARZO ORE 16.00 - 21.00
MARTEDI 3 MARZO ORE 18.15
MERCOLEDI 4 MARZO ORE 16.00 - 21.00

SABATO 28 FEBBRAIO ALLE ORE 21.00 SARANNO PRESENTI IN SALA IL REGISTA MAURO CAPUTO E GIORGIO PRESSBURGER

Storia di una famiglia centroeuropea in cui confluiscono i nomi dei più grandi protagonisti della storia degli ultimi due secoli (Marx, Heine, Mendelssohn, Husserl, etc.). Il narratore rivive, attraverso una ricerca che si intreccia tra presente e passato, i ricordi e le vicende umane che l'hanno portato a scoprire "cosa vuol dire veramente appartenere alla comunità umana dei vivi e dei morti". Un viaggio nella storia del Novecento e dell'universo poetico di Giorgio Pressburger.

"SEIN LETZTES RENNEN (BACK ON TRACK)"

nell'ambito della rassegna Helden wie wir/Eroi come noi a cura del Goethe Institut

MARTEDI 3 MARZO ORE 16.30 - 21.00

(Germania 2014, 110', regia: Kilian Reidhof; sceneggiatura: Marc Blöbaum con: Dieter Hallervorden, Tatja Seibt, Heike Makatsch, Frederick Lau, Katrin Sass)

Versione originale con sottotitoli italiani

Eroi come noi / Helden wie wir Paul Averhoff è un ex sportivo leggendario, un maratoneta di fama mondiale. Ma i momenti di gloria sono ormai passati da molto tempo. Ha più di settant'anni e, su insistenza della figlia, va a vivere con la moglie malata in una casa di riposo. La voglia di riscatto, però, lo fa tornare ad allenarsi, con un obiettivo fuori portata: vincere la maratona di Berlino.
È impossibile non fare il tifo per Paul, un concentrato di umanità e forza di volontà che traina il film con un contagioso ottimismo.

"VOGLIA DI CINEMA AL CINEMA" FILM A SORPRESA

VENERDI 6 MARZO ORE 21.00

Dal 16 gennaio 2015 inizia al cinema dei Fabbri la rassegna "VOGLIA DI CINEMA AL CINEMA" FILM A SORPRESA .I film che vedrete saranno classici della storia del cinema ,quelli che non vi sognereste mai di vedere sul grande schermo... . E' un invito a venire al cinema senza conoscere in anticipo il titolo del film. Vi chiediamo di partecipare a questo gioco di complicità . Dunque provate a resistere alla tentazione di fare indagini e accettate il gusto della sorpresa! Noi non riveliamo il titolo del film a nessuno.In fondo un bel film può essere visto o rivisto senza temere di aver sprecato una serata!
Il titolo lo saprete solo pochi minuti prima dell'inizio della proiezione.

Io sono Mateusz di Maciej Pieprzyca

con Dawid Ogrodnik, Dorota Kolak, Arkadiusz Jakubik, Helena Sujecka, Mikolaj Roznerski

DAL 12 MARZO

Mateusz è affetto da una grave paralisi celebrale che, in tenera età, gli viene diagnosticata anche come ritardo mentale, che è causa, secondo il parere dei medici, di un isolamento dal resto del mondo che non ha soluzione. Dopo 25 anni si scoprirà che il ragazzo è perfettamente in grado di intendere e di volere. Il film ha inizio proprio nel momento in cui Mateusz sta per essere esaminato da una commissione che deve giudicare la sua "normalità" mentale. È lo stesso Mateusz ad accompagnarci lungo una retrospettiva che racconta la sua vita, fin da quando era bambino, nella Polonia degli anni '80. Il film ci offre così il quadro toccante di un ragazzo che vive lucidamente tutte le emozioni e le riflessioni dei suoi coetanei: l'affetto per i genitori e la famiglia, la passione per le stelle, il primo amore, l'attrazione per il corpo femminile, fino all'arrivo nella clinica per disabili mentali.

Bekas di Karzan Kader

con Zamand Taha, Sarwal Fazil, Diya Mariwan, Suliman Karim Mohamad, Rahim Hussen.

DAL 12 MARZO

Durante i primi anni Novanta il regime di Saddam Hussein esercita grande pressione sulla regione curda dell'Iraq. Due ragazzini curdi senzatetto vedono al cinema Superman e in loro nasce il desiderio di andare in America. Per arrivarci, però, hanno bisogno di passaporti, denaro e tanta buona sorte. Sfortunatamente, non hanno niente di tutto ciò ma cominciano ugualmente il loro cammino verso il sogno americano.

Il Cinema dei Fabbri, in collaborazione con la Minotaurus Pictures 2004, bandisce il concorso di cortometraggi "I Corti" dei Fabbri con l'obiettivo di incentivare in particolar modo la produzione cinematografica amatoriale dando spazio ed occasioni di confronto a giovani talenti emergenti.

Sponsor dell'evento "Attualfoto" e "Tropical Zoo"!
Per informazioni contattateci al seguente indirizzo di posta elettronica: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
E' giunto il vostro momento... aspettiamo numerose le vostre opere!

Clicca sul link qui sotto per accedere all'area documenti.

Link bando concorso.

 

BIGLIETTI

Interi 6,00 €
Ridotti 4,00 €