Un Gatto a Parigi di Alain Gagnol, Jean-Loup Felicioli.

GIOVEDI 29 GENNAIO ORE 18.30 - 20.00
VENERDI 30 GENNAIO ORE 18.30 - 20.00
DOMENICA 1 FEBBRAIO ORE 20.00
LUNEDI 2 FEBBRAIO ORE 18.30 - 20.00
MARTEDI 3 FABBRAIO ORE 18.30 - 20.00
MERCOLEDI 4 FEBBRAIO ORE 18.30 - 20.00
LO SPETTACOLO DELLE ORE 20.00 E' IN LINGUA ORIGINALE SOTTOTITOLATO IN ITALIANO

Un disegno interessante per una storia che può essere messa a confronto con modelli classici uscendone vincente per originalità.

Dino è un gatto dalla doppia vita. Di giorno vive con Zoe, una ragazzina la cui mamma, Jeanne, è agente di polizia. Di notte lavora con Nico, un ladro dal cuore grande. Zoe si è chiusa nel silenzio dopo la morte del padre, avvenuta per mano del gangster Costa. Un giorno il gatto Dino porta a Zoe un bracciale preziosissimo. Lucas, vicecomandante di Jeanne, si accorge che il bracciale fa parte di una collezione di gioielli rubati. Una notte Zoe decide di seguire Dino. Sul suo tragitto intercetta per caso una conversazione tra alcuni malviventi e scopre che la sua babysitter fa parte della loro banda.
Felicioli e Gagnol sono due firme ben note a chi si interessa di un cinema di animazione che esca dagli schemi della ripetitività grafica. Entrambi fanno parte del prestigioso studio Folimage e hanno collaborato alla realizzazione di La profezia delle ranocchie e in questo loro primo lungometraggio mostrano come sia possibile coniugare un disegno interessante anche per un pubblico adulto con una storia che può essere messa proficuamente a confronto con modelli classici uscendone vincente per originalità.
Vengono infatti subito in mente Gli Aristogatti e La carica dei 101 (quest'ultimo per la descrizione dei malviventi e per un possibile parallelo tra Crudelia Demon e Costa).
L'obiettivo però qui non è tanto quello di creare di caratteri quanto piuttosto di affrontare il lato umano dei personaggi. Il rinchiudersi nell'assenza di parola di Zoe così come il suo rapporto con la mamma sono trattati con misura e sensibilità. Lo stesso accade per Nico, ladro dal cuore d'oro destinato a un futuro meno avventuroso ma più appagante. A Dino spetta di fare da trait d'union tra gli umani e lo sa fare conuna nonchalance da gatto...parigino.

Mateo di Maria Gamboa

con Carlos Hernández, Felipe Botero, Miriam Gutiérrez, Samuel Lazcano, Leidy Nino

MERCOLEDI 28 GENNAIO ORE 20.00

GIOVEDI 29 GENNAIO ORE 16.30 - 21.00
VENERDI 30 GENNAIO ORE 16.30
SABATO 31 GENNAIO ORE 21.00
DOMENICA 1 FEBBRAIO ORE 18.30 - 21.00
LUNEDI 2 FEBBRAIO ORE 16.30 - 21.00
MARTEDI 3 FEBBRAIO ORE 16.30 - 21.00
MERCOLEDI 4 FEBBRAIO ORE 16.30 - 21.00

versione originale sottotitolata in italiano

 

Mateo, 16 anni, raccoglie denaro frutto di estorsioni per conto dello zio, ed usa il suo compenso per aiutare sua madre, la quale accetta a malincuore e per necessità quei soldi guadagnati in maniera illecita. Madre e figlio vivono da soli in un quartiere povero e violento, lungo la valle del fiume Magdalena, in Colombia. Per non essere espulso dalla scuola Mateo accetta di frequentare un gruppo teatrale del posto. Il gruppo è diretto da un sacerdote coraggioso, Padre David ‒ personaggio ispirato ad una persona reale, di origine italiana - molto attivo nel recupero sociale degli adolescenti. Mentre il ragazzo si scopre affascinato dalla libertà e dalla creatività che si sprigionano dallo stile di vita praticato dal gruppo, suo zio insiste nel chiedergli di trovare informazioni incriminanti sugli attori. Messo sotto pressione, Mateo dovrà compiere scelte difficili.

"VOGLIA DI CINEMA AL CINEMA" FILM A SORPRESA

VENERDI 30 GENNAIO ORE 21.00

Dal 16 gennaio 2015 inizia al cinema dei Fabbri la rassegna "VOGLIA DI CINEMA AL CINEMA" FILM A SORPRESA .I film che vedrete saranno classici della storia del cinema ,quelli che non vi sognereste mai di vedere sul grande schermo... . E' un invito a venire al cinema senza conoscere in anticipo il titolo del film. Vi chiediamo di partecipare a questo gioco di complicità . Dunque provate a resistere alla tentazione di fare indagini e accettate il gusto della sorpresa! Noi non riveliamo il titolo del film a nessuno.In fondo un bel film può essere visto o rivisto senza temere di aver sprecato una serata!
Il titolo lo saprete solo pochi minuti prima dell'inizio della proiezione.

A grande richiesta !!!!

Un viaggio nel tempo in compagnia di maliarde, scettici, capinere e tanto...tango!

Sabato 31 gennaio ore 18

Una carrellata di motivi che vanno dai primi del novecento fino alla fine degli anni venti percorrendo i primi passi della storia della canzone italiana. Si parte dalle romanze da salotto per passare subito alle canzoni "descrittive" fino a giungere all'apice del "genere" con gli struggenti testi delle canzoni-tango infarciti di disgrazie e tradimenti. Il viaggio si conclude con i motivetti a ritmo di Fox e Shimmy corredati da testi "piccanti" che fecero arrossire le signorine d'allora.
Canzoni ma anche racconti per descrivere lo stile, le atmosfere e i personaggi del mondo della canzone italiana nei suoi primi anni di vita.

Un' occasione da non perdere per tutti gli appassionati di canzoni d'epoca, interpretate nel loro stile originale da Paolo Venier con Francesco Bernasconi al Pianoforte.

Ingresso 8 €

Alice Nel Paese Delle Meraviglie di Clyde Geronimi, Wilfred Jackson, Hamilton Luske, Walt Disney

SABATO 31 GENNAIO ORE 15.30
DOMENICA 1 FEBBRAIO ORE 15.30 - 17.00
LO SPETTACOLO DELLE 17.00 E' IN LINGUA ORIGINALE SOTTOTITOLATA IN ITALIANO

In Inghilterra nella seconda metà dell'Ottocento, Alice, ragazzina curiosa, è distesa su un prato mentre la sorella maggiore le legge la lezione di storia. La bambina si addormenta e sogna di cadere in una buca. Entra così in un mondo fantastico in cui fa la conoscenza di personaggi curiosi.

Il centenario che saltò dalla finestra e scomparve di Felix Herngren

con Robert Gustafsson, Iwar Wiklander, David Wiberg, Mia Skäringer, Jens Hultén

DAL 5 FEBBRAIO

Allan Karlsson, dopo una vita lunga e intensa, finisce in una casa di riposo, convinto ormai di essere giunto alla fine dei suoi giorni. Nonostante il suo stato di salute sia ancora ottimale, purtroppo la sua quotidianità è pervasa dalla noia. Pochi giorni prima del suo centesimo compleanno, evento a cui Allan non sembra minimamente interessato, l'uomo decide di fuggire dalla sua tediosa vita di tutti i giorni. Allan scappa dalla finestra della sua stanza e si ritrova coinvolto in una serie di eventi comici e inaspettati, tra i quali l'incontro con una gang di criminali, una serie di omicidi, una valigia piena di banconote, un elefante e un poliziotto incompetente. Per chiunque altro questi avvenimenti avrebbero rappresentato l'avventura di una vita, ma per Allan sono eventi del tutto ordinari. Malgrado il suo disinteresse per la politica e la religione, Allan non solo è stato testimone di alcuni degli eventi mondiali più importanti del XX secolo, ma ne ha talvolta addirittura influenzato il corso. Nella sua vita rocambolesca ha persino dato un contributo fondamentale all'invenzione della bomba atomica, diventando amico intimo dei presidenti americani e dei dittatori russi. Per cento anni, Allan Karlsson ha percorso il mondo in lungo e in largo e adesso è di nuovo a piede libero.

Tutto sua madre di Guillaume Gallienne

con Guillaume Gallienne, André Marcon, Françoise Fabian, Nanou Garcia, Diane Kruger

DAL 12 FEBBRAIO

Guillaume ama sua madre sopra ogni cosa e fino a confondersi con lei, replicandone i gesti, imitandone la voce, ribadendone il potere. Inviso al padre e ai fratelli, prepotenti e virili, Guillaume si convince di essere una ragazza nella solitudine della sua stanza, dove gli vengono in soccorso la principessa Sissi e l'Arciduchessa Sofia di Baviera. Cresciuto da 'diverso' e rifugiato in un mondo immaginario, Guillaume parla come una ragazza, si veste come una ragazza, è delicato come una ragazza, balla la sevillana come una ragazza. Motivo di imbarazzo per quella famiglia bon chic bon genre (good style, good class) che vive e si annoia in un 'area' compresa tra Parigi e Versailles, Guillaume viene allontanato e costretto in collegi maschili, dove scopre a sue spese di essere un ragazzo. Vittima di un fraintendimento crudele e di una valutazione familiare irrazionale, che lo crescono femmina e lo qualificano omosessuale, Guillaume si abbandona confuso e umiliato sui lettini di analisti, psichiatri e ufficiali medici. Alla ricerca della sua identità e della sua voce, troverà il suo posto a tavola e sul palcoscenico del mondo.

Ogni Singolo Giorno di Thomas Wild Turolo

VENERDI 13 FEBBRAIO ORE 21.00 ALLA PRESENZA DEL REGISTA

La vita nella "Terra dei fuochi" continua ogni giorno; più di un milione di persone vive nelle province tra Napoli e Caserta, zone ora conosciute per il problema dello sversamento dei rifiuti tossici. Il medico Antonio Marfella e il parroco di Caivano Maurizio Patriciello, simboli della lotta contro l'inquinamento illecito del territorio, narrano la loro esperienza di vita in questa terra martoriata; alle loro voci famose si affiancano quelle di altre persone: un'attivista, un fotoreporter, un agricoltore, una madre, un ragazzo con il proprio padre, infine una giovane donna, che hanno visto le loro esistenze intrecciarsi con i problemi conseguenti l'intombamento dei rifiuti tossici. "Ogni singolo giorno" inverte il punto di vista che fino ad ora i media hanno adottato: il protagonista vero è l'uomo non il rifiuto e il suo carico di morte. Il cittadino campano, la sua voglia di reazione ai problemi e la necessità di rimpossessarsi di un territorio martoriato, queste le linee guida del documentario.

 

E' la mia prima volta di Claudio Serughetti

DAL 19 FEBBRAIO

Nicolò, poco più che ventenne, è alla vigilia della sua prima volta. Quest'anno è chiamato a votare, sa di avere una grande responsabilità e non vuole sbagliare. E come in una sorta di iniziazione sessuale, vuole arrivare al "lieto evento" preparato.
Questo mockumentary, vuole raccontare la sua ossessiva ricerca e le emozioni di un ex adolescente che è sul punto di diventare un cittadino.

Il Leone di Vetro di Salvatore Chiosi

con Claudio De Davide, Christian Iansante, Maximiliano Hernando Bruno, Sara Ricci

PROSSIMAMENTE

1866. Il referendum del 22 ottobre, di fatto, sancirà l'annessione del Veneto al Regno d'Italia. Attraverso le vicende di due famiglie venete - i Biasin che da generazioni producono e commerciano vino in tutta Europa, e i Querini, aristocratici in decadenza - si narra il periodo tra la caduta di Venezia per mano di Napoleone e la sua annessione all'Italia, tra guerra, conflitti, rivelazioni e intrecci amorosi.

 

BIGLIETTI

Interi 6,00 €
Ridotti 4,00 €